Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Umbralisib, promettente nei pazienti con leucemia linfatica cronica intolleranti agli inibitori BTK e PI3K


Tra i pazienti con leucemia linfatica cronica ( LLC ) che non possono tollerare gli inibitori BTK ( tirosin chinasi di Bruton ) o della fosfatidilinositolo 3-chinasi delta ( PI3Kδ ), Umbralisib ( Ukoniq ) sembra essere sicuro ed efficace.

L'inibizione della chinasi ha drasticamente migliorato gli esiti nella leucemia linfatica cronica, con diversi inibitori approvati, inclusi gli inibitori BTK e PI3K, che hanno esteso significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto ai vecchi regimi terapeutici.
Nonostante questi miglioramenti, gli inibitori della chinasi sono associati a una tossicità significativa. Gli inibitori delle chinasi ampiamente utilizzati sono collegati a eventi avversi che portano all'interruzione del trattamento in più della metà dei pazienti trattati.
A causa di questo problema comune nei pazienti con leucemia linfatica cronica, sono assolutamente necessari nuovi trattamenti a beneficio dei pazienti intolleranti agli inibitori di BTK e PI3K.

Umbralisib, un doppio inibitore di PI3Kδ/CK1epsilon con maggiore selettività per l'isoforma delta, è stato precedentemente associato a una minore tossicità.

Nello studio di fase 2 è stata valutata la sicurezza e l'efficacia di Umbralisib tra i pazienti con lucemia linfatica cronica, intolleranti alla terapia con inibitori BTK o PI3Kδ.
Sono stati arruolati 51 pazienti, di cui 51 valutabili per la sicurezza e 50 valutabili per la sopravvivenza senza progressione.
L'età media dei pazienti era di 70 anni ( intervallo 48-96 ), 28 pazienti erano maschi, 47 pazienti avevano un performance status di 0 o 1 e il numero mediano di linee di terapia precedenti era 2 ( intervallo 1-7 ).
Gli eventi avversi più comuni che hanno portato all'interruzione dell'inibitore della chinasi sono stati: rash ( 27% ), artralgia ( 18% ) e fibrillazione atriale ( 16% ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione nella popolazione è stata di 23.5 mesi ( IC 95%, 13-1 - non-stimabile ) e il 58% dei pazienti è stato in grado di continuare il trattamento più a lungo rispetto alla precedente terapia con inibitori della chinasi.

Gli eventi avversi più comuni che si sono verificati in almeno il 5% dei pazienti sono stati: neutropenia ( 18% ), leucocitosi ( 14% ), trombocitopenia ( 12% ), polmonite ( 12% ) e diarrea ( 8% ). Mentre 6 ( 12% ) pazienti hanno interrotto il trattamento con Umbralisib a causa di una reazione avversa, 8 ( 16% ) con riduzione della dose hanno avuto successo con una ripresa della terapia.

Data la natura non-curativa della terapia della leucemia linfatica cronica, è probabile che l'aggiunta di linee terapeutiche efficaci alla sequenza di trattamento di ciascun paziente migliori i risultati. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro