Janssen Oncology
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Tocilizumab riduce la forma grave di sindrome da rilascio di citochine nei bambini e nei giovani adulti con leucemia linfoblastica acuta


Uno studio prospettico ha dimostrato che Tocilizumab ( Unione Europea: RoActemra; USA: Actemra ) impiegato come uso profilattico ha dimostrato di ridurre l'incidenza della sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) forme gravi nella leucemia linfoblastica acuta pediatrica trattata con la terapia con cellule CAR-T, senza alterare l'efficacia di questa terapia.

L'incidenza della sindrome CRS di grado 4 è stata del 27% nei pazienti con un carico tumorale elevato al basale ( 40% o superiore di blasti tumorali nel midollo osseo ) con Tocilizumab profilattico, rispetto al 50% in uno studio precedente di fase I con Tisagenlecleucel ( Kymriah ).
L'incidenza di sindrome CRS di grado 4 è stata del 3.6% nei pazienti con basso carico tumorale, che hanno ricevuto il trattamento con cellule CAR-T senza Tocilizumab.

Il miglior tasso di risposta globale è stato dell'87% nella coorte ad alto carico tumorale e del 100% nei pazienti con basso carico tumorale al basale.

La terapia con cellule CAR-T mirata a CD19 ha contribuito a trasformare la terapia per le neoplasie delle cellule B recidivanti / refrattarie, migliorando la sopravvivenza per molti pazienti.
Tuttavia, la terapia comporta un rischio di tossicità potenzialmente fatale; la più comune delle tossicità è la sindrome da rilascio di citochine.
In una valutazione globale di fase II di Tisagenlecleucel, tre quarti dei pazienti ha sviluppato sindrome CRS ( qualsiasi grado ) e quasi la metà ha richiesto il ricovero in terapia intensiva per la gestione della sindrome CRS.

L'elevato carico tumorale al basale è il principale fattore di rischio per la forma grave di sindrome CRS.
Nello studio iniziale di fase I con Tisagenlecleucel, la metà dei pazienti con 40% o pù blasti nel midollo osseo ha sviluppato una sindrome CRS di grado 4.
Un driver primario della sindrome CRS è l'interleuchina-6 ( IL-6 ) e l'anticorpo anti-recettore IL-6 Tocilizumab può indurre una rapida inversione delal sindrome CRS.

Sono stati riportati i primi risultati di una valutazione prospettica della somministrazione di Tocilizumab, adattata al rischio, per prevenire la forma grave di sindrome da rilascio di citochine nella leucemia linfoblastica acuta ( LLA ) pediatrica recidivante / refrattaria.

Lo studio ha incluso un totale di 70 bambini e giovani adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivante / refrattaria, trattati con Tisagenlecleucel.

I pazienti con un carico tumorale elevato al basale hanno ricevuto una singola infusione di Tocilizumab all'esordio di febbre alta e persistente ( maggiore o uguale a 38.5 °C su due misurazioni ad almeno 4 ore di distanza ).
I pazienti con basso carico tumorale sono stati sottoposti a gestione standard della sindrome CRS.

L'endpoint primario era l'incidenza di sindrome CRS di grado 4 in base alla scala dell'Università della Pennsylvania.

L'analisi dei dati ha incluso 70 pazienti, 15 con carico tumorale elevato e 55 con carico tumorale basso.
Il follow-up mediano è stato di 24 mesi.

Se la sindrome CRS di grado 4 si verificava in non più di 5 dei pazienti con elevata massa tumorale, il risultato dello studio era considerato clinicamente significativo.
I risultati sono stati anche confrontati con quelli dei pazienti con elevata massa tumorale nella valutazione iniziale di fase 1 di Tisagenlecleucel ( incidenza del 50% di sindrome CRS di grado 4 ).
Tutti i pazienti nello studio di fase 1 avevano ricevuto un trattamento standard per la sindrome CRS.

Tutti e 15 i pazienti nella coorte ad alto carico tumorale hanno sviluppato sindrome CRS ( tempo mediano all'insorgenza di 2 giorni ) e hanno ricevuto Tocilizumab.
In 4 pazienti, la sindrome CRS è peggiorata al grado 4.
Un paziente è morto per emorragia cerebrale nel contesto di coagulopatia e risoluzione di sindrome CRS di grado 4.

Nel gruppo a basso carico tumorale, 37 ( 67% ) pazienti hanno sviluppato sindrome CRS, con evoluzione fino a grado 4 in 2 pazienti.
Tre pazienti hanno successivamente ricevuto Tocilizumab 2.2 giorni ( mediana ) dopo l'inizio della sindrome CRS.
Il fatto che i pazienti raggiungessero lo stato di malattia minimo residuo non era correlato allo sviluppo di sindrome CRS o a progressione a sindrome CRS grave.

Il trattamento con Tisagenlecleucel ha portato a risposta completa ( CR ) o a risposta completa con un recupero incompleto della conta ematica in 68 dei 70 pazienti, inclusi 13 dei 15 pazienti con carico tumorale elevato e tutti e 55 i pazienti con carico tumorale basso.

Per il gruppo con elevata massa tumorale, la probabilità di una risposta sostenuta a 12 mesi è stato del 49%, scendendo al 39% a 24 mesi.
Due pazienti hanno ricevuto una terapia antitumorale aggiuntiva.
La ricaduta morfologica si è verificata in 9 di 13 pazienti.

Il gruppo a basso carico tumorale aveva una probabilità dell'86% di remissione sostenuta a 12 mesi e del 78% a 24 mesi.
Dieci hanno avuto una ricaduta morfologica, altri 7 hanno ricevuto una ulteriore terapia antitumorale e 6 pazienti sono stati sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali.

La sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) nel gruppo con elevata massa tumorale è stata del 42% a 12 mesi e del 34% a 24 mesi, e la sopravvivenza globale è stata, rispettivamente, del 67% e del 60%.
Nella coorte a basso carico tumorale, la sopravvivenza EFS è stata dell'86% a 12 mesi e del 78% a 24 mesi, e la sopravvivenza globale del 96% e del 92%. ( Xagena2021 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro