Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Janssen Oncology

Tassi di risposta globale più elevati aggiungendo Ublituximab a Ibrutinib nel trattamento della leucemia linfatica cronica recidivante o refrattaria


La combinazione di Ublituximab più Ibrutinib ( Imbruvica ) ha portato a un tasso di risposta globale statisticamente più elevato mantenendo il profilo di sicurezza tollerabile rispetto alla monoterapia con Ibrutinib nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( LLC ) ad alto rischio recidivante o refrattaria.
Lo studio di fase 3, multicentrico, GENUINE, ha valutato l'aggiunta di anticorpo anti-CD-20 di nuova generazione ( Ublituximab ) agli inibitori della tirosin chinasi di Bruton ( BTK ) ( Ibrutinib ).

Il tasso di risposta globale è stato dell'83% nei pazienti nel gruppo Ublituximab più Ibrutinib e del 65% nei pazienti nel gruppo solo Ibrutinib ( P = 0.020 ) dopo un follow-up mediano di 41.6 mesi ( IQR 36.7-47.3 ).

Il profilo di sicurezza consisteva principalmente di eventi avversi di grado 1 o 2; la neutropenia ( 19% dei pazienti nel gruppo di combinazione vs 12% nel gruppo di controllo ), anemia ( 8% vs 9%, rispettivamente ) e diarrea ( 10% vs 5% ) erano eventi avversi di grado 3 e 4 comuni nella popolazione di interesse,

Altri eventi avversi gravi comuni hanno incluso: polmonite ( 10% con Ublituximab più Ibrutinib vs 7% con solo Ibrutinib ), fibrillazione atriale ( 7% vs 2%, rispettivamente ), sepsi ( 7% vs 2% ) e neutropenia febbrile ( 5% vs 2% ).

La combinazione di Ublituximab più Ibrutinib è risultata generalmente ben tollerata.
Con l'eccezione delle reazioni correlate all'infusione associate a Ublituximab, la terapia di associazione non ha alterato notevolmente il profilo di sicurezza noto di Ibrutinib come singolo agente; tuttavia, è stato osservato un tasso più elevato di neutropenia nel gruppo Ublituximab più Ibrutinib.

Nel periodo 2015-2016, un totale di 126 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al trattamento con Ublituximab più Ibrutinib ( 64 pazienti ) o a Ibrutinib ( n=62 ).

Il profilo di sicurezza ha riguardato una popolazione di 117 pazienti, con 59 pazienti del gruppo Ublituximab più Ibrutinib e 58 pazienti del gruppo Ibrutinib.
Questi pazienti sono stati sottoposti ad almeno 1 dose di trattamento nei rispettivi gruppi. ( Xagena2021 )

Fonte: Lancet Hematology, 2021

Emo2021 Onco2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro