Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Sorafenib aggiunto a Cladribina, Citarabina ad alte dosi, fattore di crescita granulocitario e Mitoxantrone nella leucemia mieloide acuta non-trattata


L'inibitore multichinasi Sorafenib ( Nexavar ) migliora la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) se utilizzato negli adulti con leucemia mieloide acuta ( AML ) di nuova diagnosi, indipendentemente dallo stato di mutazione di FLT3.

È stata valutata l’aggiunta di Sorafenib a Cladribina, Citarabina ad alte dosi, fattore stimolante le colonie di granulociti ( G-CSF ) e Mitoxantrone ( CLAG-M ) in uno studio di fase 1/2 su 81 adulti di età inferiore o uguale a 60 anni con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.

Nella fase 1 sono stati trattati 46 pazienti con dosi crescenti di Sorafenib e Mitoxantrone. Non è stata raggiunta la dose massima tollerata.
La dose raccomandata di fase 2 era 18 mg/m2 al giorno per Mitoxantrone e 400 mg due volte al giorno per Sorafenib.

Tra i 41 pazienti trattati con dose raccomandata di fase 2, è stato ottenuto un tasso misurabile di remissione completa negativa per la malattia residua ( MRD- CR ) dell'83%. La mortalità a quattro settimane è stata del 2%.

La sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da eventi a un anno sono state dell’80% e del 76%, senza differenze nei tassi di remissione completa negativa per la malattia residua, sopravvivenza globale o sopravvivenza libera da eventi tra i pazienti con o senza malattia con mutazione di FLT3.

Confrontando gli esiti ottenuti utilizzando CLAG-M / Sorafenib con quelli di una coorte abbinata di 76 pazienti trattati con CLAG-M da solo, le stime di sopravvivenza aggiustate per più variabili sono migliorate per 41 pazienti trattati con CLAG-M / Sorafenib alla dose raccomandata di fase 2 ( sopravvivenza globale: hazard ratio, HR=0.24; P=0.023; sopravvivenza libera da eventi: HR=0.16; P=0.003 ).

Il beneficio era limitato ai pazienti con malattia a rischio intermedio ( analisi univariata: P=0.01 per sopravvivenza globale; P=0.02 per sopravvivenza libera da eventi ).

Questi dati hanno indicato che CLAG-M / Sorafenib è sicuro e migliora la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da eventi rispetto al solo CLAG-M, con benefici soprattutto nei pazienti con malattia a rischio intermedio. ( Xagena2023 )

Halpern AB et al, Blood Adv 2023; 7: 4950-4961

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro