Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Sequenziamento del DNA per rilevare la malattia residua negli adulti con leucemia mieloide acuta prima del trapianto di cellule ematopoietiche


Prevenire le recidive negli adulti con leucemia mieloide acuta ( AML ) in prima remissione è l'indicazione più comune per il trapianto allogenico di cellule ematopoietiche. La presenza di malattia residua misurabile ( MRD ) di leucemia mieloide acuta è stata associata a tassi di recidiva più elevati, ma i test non sono standardizzati.

Si è determinato se il sequenziamento del DNA per identificare le varianti residue nel sangue di adulti con leucemia mieloide acuta in prima remissione prima del trapianto allogenico di cellule ematopoietiche identifichi i pazienti con un aumentato rischio di recidiva e una sopravvivenza globale inferiore rispetto a quelli senza queste varianti del DNA.

In uno studio osservazionale retrospettivo, il sequenziamento del DNA è stato eseguito su sangue pretrapianto di pazienti di età pari o superiore a 18 anni che avevano subito il loro primo trapianto allogenico di cellule ematopoietiche durante la prima remissione per leucemia mieloide acuta associata a varianti in FLT3, NPM1, IDH1, IDH2, o KIT in 1 dei 111 siti di trattamento dal 2013 al 2019.
I dati clinici sono stati raccolti, fino a maggio 2022, dal Center for International Blood and Marrow Transplant Research.

È stato eseguito un sequenziamento centralizzato del DNA di campioni di sangue di remissione pretrapianto.

Gli esiti primari erano la sopravvivenza globale e la recidiva. Il giorno del trapianto è stato considerato il giorno 0.

Dei 1.075 pazienti esaminati, 822 presentavano duplicazione tandem interna FLT3 ( FLT3-ITD ) e/o leucemia mieloide acuta con mutazione NPM1 ( età media, 57.1 anni, 54% femmine ).
Tra i 371 pazienti nella coorte di scoperta, la persistenza delle varianti NPM1 e/o FLT3-ITD nel sangue di 64 pazienti ( 17.3% ) in remissione prima del trapianto è stata associata a esiti peggiori dopo il trapianto ( 2013-2017 ).

Allo stesso modo, dei 451 pazienti nella coorte di validazione sottoposti a trapianto nel 2018-2019, 78 ( 17.3% ) con varianti NPM1 e/o FLT3-ITD residue hanno avuto tassi più elevati di recidiva a 3 anni ( 68% vs 21%; differenza, 47%; HR, 4.32; P minore di 0.001 ) e diminuzione della sopravvivenza a 3 anni ( 39% vs 63%; differenza, - 24%; HR, 2.43; P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti con leucemia mieloide acuta in prima remissione prima del trapianto allogenico di cellule ematopoietiche, la persistenza della duplicazione tandem interna FLT3 o delle varianti NPM1 nel sangue con una frazione allelica dello 0.01% o superiore è stata associata a un aumento della recidiva e a una sopravvivenza peggiore rispetto a quella dei pazienti senza queste varianti.

Sono necessari ulteriori studi per determinare se i test di sequenziamento del DNA di routine per le varianti residue possono migliorare gli esiti dei pazienti con leucemia mieloide acuta. ( Xagena2023 )

Dillon LW et al, JAMA 2023; 329: 745-755

Emo2023 Onco2023



Indietro