Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Risposte anticorpali dopo la vaccinazione COVID-19 nei pazienti con leucemia linfatica cronica


I vaccini SARS-CoV-2 sono efficaci nel prevenire la forma grave di COVID-19 nella popolazione generale; tuttavia, l'efficacia di questi vaccini nei pazienti con soppressione immunitaria rimane in fase di studio.
Un recente studio ha dimostrato che le risposte anticorpali dopo la vaccinazione contro il COVID-19 sono ridotte nei pazienti con leucemia linfatica cronica, rispetto ai soggetti senza leucemia.

I partecipanti allo studio hanno ricevuto il vaccino BNT162b2 ( Pfizer-BioNTech ) o il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 ( Oxford-AstraZeneca ); entrambi i vaccini incorporano la proteina spike di SARS-CoV-2 come immunogeno del vaccino e raccomandano due somministrazioni.
I ricercatori hanno valutato le risposte anticorpali specifiche per il picco tramite campioni di sangue dopo la prima e/o la seconda vaccinazione contro il COVID-19 nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( n=299 ) e nel gruppo controllo di soggetti sani di pari età ( n=93 ).

Tra la coorte di pazienti, l'età media era di 69 anni ( range, 43-96 ). Il tempo mediano per la raccolta del campione è stato di 43 giorni ( IQR, 36-52 giorni; n=267 ) dopo la prima dose e 18 giorni ( IQR, 14-28; n=55 ) dopo la seconda dose.

Dopo la prima dose, le risposte anticorpali specifiche per la proteina spike erano rilevabili nel 34% dei pazienti con leucemia linfatica cronica contro il 94% dei partecipanti al controllo ( P inferiore a 0.0001 ), e i titoli anticorpali erano 104 volte inferiori nei pazienti con leucemia linfatica cronica rispetto ai partecipanti al controllo ( 0.4 vs 41.6 U/ml, rispettivamente; P inferiore a 0.0001 ).

Dopo la seconda dose, le risposte anticorpali spike-specifiche sono state rilevabili nel 75% dei pazienti con leucemia linfatica cronica contro il 100% del gruppo controllo ( n=59 ). I titoli anticorpali erano 74 volte inferiori nei pazienti con leucemia linfatica cronica rispetto ai partecipanti di controllo ( 53 U/ml vs 3900 U/ml; P inferiore a 0.0001 ).

Tra i pazienti con leucemia linfatica cronica, l'analisi multivariata ha rivelato che l'attuale trattamento con inibitori della tirosin-chinasi di Bruton ( odds ratio [ OR ], 0.05; IC 95%, 0.004-0.58; P=0.016 ) o deficit di immunoglobulina A ( OR, 9.1; IC 95%, 2-42; P=0.005 ) erano indipendentemente associati alla mancata generazione di una risposta anticorpale dopo la seconda dose.

Lo studio non ha riscontrato differenze nei livelli di anticorpi dopo i vaccini BNT162b2 o ChAdOx1.

I limiti dello studio includevano i pazienti relativamente pochi in remissione dalla precedente chemioterapia, auto-segnalazione del paziente per storia di infezione, mancanza di valutazione per precedente infezione da COVID-19 ( anticorpo specifico per nucleocapside ) in alcuni campioni, incapacità di includere parametri ematologici e relativamente pochi campioni di pazienti che avevano ricevuto entrambe le dosi di vaccino.

Dallo studio è emerso che le risposte anticorpali dopo la vaccinazione COVID-19 sono ridotte nei pazienti con leucemia linfatica cronica, con pazienti con deficit di IgA o in terapia con inibitori BTK. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood Cancer Journal, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro