ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Punteggio di rischio prognostico per i pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria trattati con terapie mirate o chemioimmunoterapia


Non esistono modelli prognostici clinicamente validati per la sopravvivenza globale nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ) recidivata o refrattaria sottoposti a terapie mirate.
È stato creato un modello prognostico per identificare gli individui ad alto rischio che non ottengono un buon esito con le terapie mirate disponibili.

In uno studio di coorte retrospettivo e aggregato, sono stati inclusi 2.475 pazienti con leucemia linfatica cronica trattati tra il 2012 e il 2015, in 6 studi randomizzati su Ibrutinib, Idelalisib e Venetoclax o presso il database CLL della Mayo Clinic ( MCCD ).
I pazienti eleggibili soffrivano di leucemia linfatica cronica, erano stati precedentemente trattati, avevano 18 anni o più, avevano ECOG performance status di 0-1 e richiedevano un ulteriore trattamento secondo i criteri CLL 2008.

C'era eterogeneità in altri criteri di ammissibilità. Sono stati valutati 28 fattori candidati noti per influenzare la sopravvivenza globale ( OS ) di questi pazienti, e sono state applicate analisi univariate e multivariate per ricavare il punteggio di rischio in un set di dati di pazienti ( n=727 ) trattati con Ibrutinib o chemioimmunoterapia.

È stato convalidato il punteggio in un set di dati di validazione interna ( n=242 ) di pazienti trattati con Ibrutinib o chemioimmunoterapia e tre set di dati di validazione esterna ( Idelalisib o set di dati di chemioimmunoterapia, n=897; Venetoclax o dataset di chemioimmunoterapia, n=389; e MCCD, compresi i pazienti trattati con terapie eterogenee, n=220 ), applicando la C statistica come misura di discriminazione.

Il modello derivato consisteva di 4 fattori ( un punto ciascuno; beta2-microglobulina sierica maggiore o uguale a 5 mg/dl, lattato deidrogenasi maggiore del limite superiore del normale, emoglobina inferiore a 110 g/l per le donne o inferiore a 120 g/l per gli uomini e tempo dall'inizio della terapia precedente minore di 24 mesi ), separando i pazienti in gruppi a rischio basso ( punteggio 0-1 ), intermedio ( punteggio 2-3 ) e alto rischio ( punteggio 4 ).

Il punteggio di rischio era prognostico per la sopravvivenza globale nel set di dati di training ( CS=0.74, log-rank P minore di 0.0001 ) e nella validazione interna ( CS=0.79, ​​log-rank P=0.0003 ) e tutte e tre le coorti di validazione esterna ( Idelalisib o chemioimmunoterapia: CS=0.71, log-rank P minore di 0.0001; Venetoclax o chemioimmunoterapia: CS=0.76, log-rank P=0.014; coorte MCCD: CS=0.61, log-rank P minore di 0.0001 ).

È stato presentato il primo punteggio di rischio validato per prevedere la sopravvivenza globale nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivante o refrattaria trattati con terapia mirata.
Il modello è applicabile ai pazienti trattati con tutte le terapie mirate attualmente approvate ( Ibrutinib [ Imbruvica ], Idelalisib [ Zydelig ] e Venetoclax [ Venclyxto ] ) e chemioimmunoterapia.

Questo strumento consente l'identificazione di una coorte ben definita di pazienti affetti da leucemia linfatica cronica, precedentemente trattati, ad alto rischio di morte.
Potrebbe essere utilizzato in futuri studi prospettici per testare opzioni terapeutiche per questi pazienti con esigenze cliniche insoddisfatte. ( Xagena2019 )

Soumerai JD et al, Lancet Haematology 2019; 6: 366-374

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro