Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Ematologia Amgen

Ponatinib più Blinatumomab, un regime senza chemioterapia, nel trattamento della leucemia linfoblastica acuta Ph+


Uno studio di fase 2 ha mostrato che Ponatinib ( Iclusig ) e Blinatumomab ( Blincyto ) hanno indotto alti tassi di remissione molecolare completa tra i pazienti con leucemia linfoblastica acuta positiva al cromosoma Philadelphia ( LLA Ph+ ).

Le risposte durature osservate con Ponatinib, un inibitore della tirosin-chinasi BCR-ABL, e Blinatumomab, un inibitore bispecifico delle cellule T, potrebbero potenzialmente eliminare la necessità di chemioterapia e trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche tra questi pazienti, in particolare come terapia di prima linea.

E' stata esaminata la sicurezza e l'efficacia del regime senza chemioterapia a base di Ponatinib e Blinatumomab tra i pazienti sia con malattia di nuova diagnosi che recidivante / refrattaria.

L'analisi ha incluso 35 pazienti ( età media, 59 anni; range, 24-83 anni; 51.4% ispanici, 40% bianchi ) con LLA Ph+ di nuova diagnosi ( n = 20 ) o recidivante / refrattaria ( n = 10 ), o con leucemia mieloide cronica in crisi blastica linfoide ( n = 5 ).

I pazienti sono stati sottoposti a un massimo di cinque cicli di Blinatumomab a dose standard come infusione continua.
Durante il primo ciclo, i pazienti hanno ricevuto 30 mg di Ponatinib al giorno, con la dose ridotta a 15 mg al giorno al raggiungimento della risposta molecolare completa.
Dopo il completamento di Blinatumomab, i pazienti che hanno risposto hanno continuato ad assumere Ponatinib per almeno 5 anni.
I pazienti hanno anche ricevuto 12 dosi di chemioterapia intratecale profilattica.

Il tasso di remissione molecolare completa tra i pazienti con malattia di nuova diagnosi e il tasso di risposta globale ( definito come il composito di remissione completa e remissione completa con recupero piastrinico incompleto ) tra i pazienti con malattia recidivante / refrattaria sono serviti come endpoint primari dello studio.

Il follow-up mediano è stato di 12 mesi ( intervallo 1-37 ).

I risultati hanno mostrato un tasso ORR del 100% tra i pazienti di nuova diagnosi e tra quelli con leucemia mieloide cronica con crisi blastica linfoide e dell'89% nel gruppo recidivante / refrattario.

I tassi di remissione molecolare completa sono stati dell'85% nella coorte di nuova diagnosi, dell'88% nella coorte recidivante / refrattaria e del 40% nella coorte con leucemia mieloide cronica.

I risultati sono stati particolarmente incoraggianti nell'impostazione di prima linea, dove tutti i pazienti hanno risposto e l'85% ha raggiunto una risposta molecolare completa ( cioè, una negatività minima residua della malattia ). Questo si è tradotto in una sopravvivenza globale a 2 anni del 93% tra i pazienti di nuova diagnosi.
In particolare, nessuno dei pazienti in prima linea è stato sottoposto a trapianto in prima remissione e nessuno ha avuto recidive.

La durata mediana della remissione completa nella coorte di prima linea è stata di 6 mesi ( range, da 1+ a 33+ ).

La sopravvivenza a due anni è stata del 53% nella popolazione leucemia linfoblastica acuta Ph+ recidivante / refrattaria e del 100% nella coorte con leucemia mieloide cronica.
Dei nove pazienti della coorte recidivante / refrattaria in remissione completa, tre hanno avuto una risposta continua senza trapianto; quattro hanno proceduto al trapianto, di questi uno è successivamente deceduto; uno è recidivato; e uno che era fuori studio è morto per una causa sconosciuta.

Nel complesso, la combinazione Ponatinib e Blinatumomab è apparsa ben tollerata, con la maggior parte degli eventi avversi di grado 1 o di grado 2. Il più comune di questi è stato il rash ( grado 1 e grado 2, 11% ciascuno ), febbre / neutropenia febbrile ( grado 2, 9% ), costipazione ( grado 1 e grado 2, 9% ciascuno ), affaticamento ( grado 1, 9%; grado 2, 6% ) e sindrome da rilascio di citochine ( grado 2, 6% ).

Questi dati hanno fornito ulteriori evidenze che i regimi senza chemioterapia possono diventare il nuovo standard di cura per gli adulti di tutte le età con leucemia linfoblastica acuta Ph+ di nuova diagnosi.
Date le risposte durature osservate, la combinazione di Ponatinib più Blinatumomab può ovviare alla necessità di trapianto in prima remissione per questi pazienti. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro