Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Olutasidenib induce remissioni complete durature nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria con mutazione IDH1


Olutasidenib ( Rezlidhia ) è un inibitore orale potente, selettivo, a piccole molecole, dell'isocitrato deidrogenasi 1 mutante ( mIDH1 ).
Complessivamente, 153 pazienti naive-agli-inibitori IDH1 con leucemia mieloide acuta ( AML ) mIDH1 R132 recidivante / refrattaria ( R/R ) hanno ricevuto Olutasidenib in monoterapia 150 mg due volte al giorno nella coorte cardine di questo studio.

L'età media dei partecipanti era di 71 anni e il numero mediano di regimi precedenti ricevuti dai pazienti era 2.

Il tasso di remissione completa ( CR ) più remissione completa con recupero ematologico parziale ( CRh ) è stato del 35%, e il tasso di risposta globale è stato del 48%.

I tassi di risposta erano simili nei pazienti che avevano ricevuto e che non avevano ricevuto Venetoclax in precedenza.

Con il 55% dei pazienti censurati al momento del cut-off dei dati, la durata mediana di CR/CRh è stata di 25.9 mesi.
La durata mediana della risposta globale è stata di 11.7 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 11.6 mesi.

Degli 86 pazienti che erano dipendenti dalle trasfusioni al basale, in 29 ( 34% ), che includevano pazienti in tutti i gruppi di risposta, è stata raggiunta un’indipendenza dalle trasfusioni a 56 giorni.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 emergenti dal trattamento ( 10% o superiore ) sono stati neutropenia febbrile e anemia ( n=31; 20% ciascuno ), trombocitopenia ( n=25; 16% ) e neutropenia ( n=20; 13% ).

Eventi avversi della sindrome da differenziazione di particolare interesse si sono verificati in 22 pazienti ( 14% ), con 14 ( 9% ) di grado maggiore o uguale a 3, e 1 caso ad esito fatale segnalato.

Nel complesso, Olutasidenib ha indotto remissioni durature e indipendenza dalle trasfusioni con un profilo di effetti collaterali ben caratterizzato e gestibile.

L'efficacia osservata rappresenta un progresso terapeutico in questa popolazione di pazienti con leucemia mieloide acuta con mutazione IDH1 recidivante / refrattaria. ( Xagena2023 )

de Botton S et al, Blood Adv 2023; 7: 3117-3127

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro