Janssen Oncology
Roche Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom
Passamonti Linfoma mantellare

Midostaurina aggiunta alla chemioterapia e terapia di mantenimento continuativa in monoterapia nella leucemia mieloide acuta con mutazione FLT3-ITD


I pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) e una duplicazione interna in tandem ( ITD ) di FLT3 hanno esiti sfavorevoli con il trattamento attuale.

È stato condotto uno studio di fase 2 che genera ipotesi per determinare se l'aggiunta dell’inibitore della chinasi multitarget Midostaurina ( Rydapt ) alla chemioterapia intensiva seguita da trapianto allogenico di cellule ematopoietiche ( alloHCT ) e terapia di mantenimento con agente singolo per 12 mesi sia fattibile e influenzi favorevolmente la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) rispetto ai controlli storici.

I pazienti di età compresa tra 18 e 70 anni con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e FLT3-ITD confermata centralmente erano ammissibili: sono stati trattati 284 pazienti, inclusi 198 pazienti più giovani ( 18-60 anni ) e 86 anziani ( 61-70 anni ).

Il tasso di remissione completa ( CR ), inclusa la risposta completa con recupero ematologico incompleto ( CRi ) dopo terapia di induzione, è stato del 76.4% ( più giovani, 75.8%; anziani, 77.9% ).
La maggior parte dei pazienti con CR / CRi era stato sottoposto a trapianto alloHCT ( 72.4% ).
La terapia di mantenimento è stata avviata in 97 pazienti ( 34% ): 75 dopo trapianto alloHCT e 22 dopo consolidamento con Citarabina ad alto dosaggio ( HiDAC ).

Il tempo mediano in terapia di mantenimento è stato di 9 mesi dopo trapianto alloHCT e 10.5 mesi dopo HiDAC.
L'interruzione precoce è stata principalmente il risultato di cause non dovute a recidiva ( tossicità gastrointestinale e infezioni ).

La sopravvivenza senza eventi e la sopravvivenza globale ( OS ) a 2 anni sono state del 39% e 34% e 53% e 46%, rispettivamente, nei pazienti più giovani e anziani.

La sopravvivenza EFS è stata valutata rispetto a 415 controlli storici trattati nell'ambito di 5 studi prospettici.

L'analisi ponderata sul punteggio di propensione ha rivelato un miglioramento significativo della sopravvivenza EFS causato dalla Midostaurina ( hazard ratio, HR=0.58; P minore di 0.001 ) in generale e nei pazienti più anziani ( HR=0.42 ). ( Xagena2019 )

Schlenk RF et al, Blood 2019; 133: 840-851

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro