GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology

Maggiore persistenza della malattia minima residua, più bassi tassi di remissione e di sopravvivenza nella leucemia linfoblastica acuta Philadelphia-like


Dai dati dello studio di fase 2 GIMEMA LAL1913 è emerso che i pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) Philadelphia-like ( PH-like ) presentano una associazione con tassi più bassi di remissione completa ( CR ), sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) e sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), nonché una maggiore persistenza della malattia minima residua ( MRD ) in un protocollo di leucemia linfoblastica acuta per l'adulto, guidato da MRD, di ispirazione pediatrica.

Un'analisi di sopravvivenza libera da eventi a 24 mesi ha identificato che i pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph-like avevano un tasso di sopravvivenza inferiore ( 33.5% ) rispetto ai pazienti con leucemia linfoblastica acuta non-Ph-like ( 66.2%; P = 0.005 ).

Allo stesso modo, la sopravvivenza libera da malattia è stata del 45.5% e del 72.3% per i pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph-like e leucemia linfoblastica acuta non-Ph-like, rispettivamente ( P = 0.062 ).

Sebbene non-significativa, è stata osservata un'inferiorità simile nella sopravvivenza globale ( OS ) per i pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph-like ( 48.5% ) rispetto ai pazienti con leucemia linfoblastica acuta non-Ph-like ( 72.9%; P = 0.16 ).

Il profilo Ph-like è un fattore di rischio indipendente per il fallimento della risposta completa e la persistenza della malattia minima residua, sottolineando ulteriormente la necessità che i casi Ph-like siano rapidamente riconosciuti al momento della diagnosi al fine di affinare la stratificazione del rischio di leucemia linfoblastica acuta Ph-negativa e ottimizzare la gestione dei pazienti.

Sono stati arruolati nello studio 88 pazienti con leucemia linfoblastica acuta di tipo B che erano negativi per le aberrazioni molecolari, tra cui BCR/ABL1, KT2MA e TCF3/PBX1 e BNEG.
Attraverso l'uso di un predittore BCR/ABL1-like, sono stati identificati 28 casi Ph-like e 60 casi non-Ph-like, con punteggi mediani di 0.85 ( intervallo, da -0.18 a 6.37 ) e -1.24 ( intervallo, da -1.7 a -0.33 ), rispettivamente.
L'incidenza dei casi di leucemia linfoblastica acuta Ph-like era più alta tra i pazienti di età pari o superiore a 36 anni ( 36.2% ) rispetto ai pazienti di età compresa tra 18 e 35 anni ( 26.8% ).

È stato utilizzato il metodo del prodotto limite di Kaplan-Meier per stimare la sopravvivenza libera da eventi, libera da malattia e la sopravvivenza globale per questo gruppo di pazienti.

La sopravvivenza libera da eventi è stata definita come il tempo tra la diagnosi e il mancato raggiungimento della risposta completa.
La sopravvivenza libera da malattia è stata definita come il tempo tra la valutazione della risposta completa e la ricaduta o il decesso, mentre la sopravvivenza globale è stata definita come il tempo tra la diagnosi e il decesso.

Concentrandosi sul punto temporale 1 ( TP1 ), lo stato Ph-like è risultato correlato alla risposta al trattamento.
I pazienti con leucemia linfoblastica acuta PH-like ( 74.1% ) avevano un tasso di risposta completa inferiore a TP1 rispetto ai casi non-Ph-like ( 91.5%; P = 0.044 ), che si è tradotto in una probabilità di raggiungimento di una più ridotta risposta completa ( odds ratio, OR=0.265; IC 95%, 0.071-0.921; P = 0.038 ).

In definitiva, la persistenza della malattia minima residua è risultata più alta tra i pazienti con leucemia linfoblastica acuta Ph-like in tutti i momenti rispetto ai casi non-Ph-like.
Nell'esaminare lo stato di malattia minima residua in ciascuno dei 3 punti temporali, i dati hanno indicato che il 77.8% dei casi Ph-like e il 41.3% dei casi non-Ph-like a TP1 erano MRD-positivi ( P = 0.012 ).
Inoltre, il 52.9% dei casi Ph-like e il 20% dei casi non-Ph-like al punto temporale 2 ( TP2 ) erano MRD-positivi ( P = 0.025 ).
Il 41.7% dei casi Ph-like e il 13.5% dei casi non-Ph-like al punto temporale 3 ( TP3 ) erano MRD-positivi ( P = 0.05 ).

Complessiavamente, i risultati di questo studio, condotto su casi adulti di leucemia linfoblastica acuta B-negativa ( senza geni di fusione ), arruolati nel protocollo clinico di prima linea GIMEMA LAL1913, hanno confermato che il predittore BCR/ABL1-like è un elemento valido per riconoscere rapidamente i casi Ph-like che rappresentano circa il 30% degli adulti con leucemia linfoblastica acuta B-negativa.
Inoltre, anche in uno studio clinico guidato dalla malattia minima residua e di ispirazione pediatrica, i pazienti Ph-like hanno mostrato una minore probabilità di ottenere una risposta completa, una maggiore probabilità di rimanere MRD-positivi, e una più breve sopravvivenza libera da eventi. ( Xagena2021 )

Fonte: Haematologica, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro