Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Celgene Ematologia

Leucemia linfatica cronica / linfoma a piccoli linfociti: la terapia a base di Ibrutinib e Venetoclax può migliorare gli esiti in prima linea


Tra i pazienti con leucemia linfatica cronica ( LLC ) / linfoma a piccoli linfociti ( SLL ) non precedentemente trattati, Ibrutinib ( Imbruvica ) e Venetoclax ( Venclyxto ) hanno migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Clorambucile con Obinutuzumab ( Gazyvaro ).

Ricerche precedenti avevano indicato che Ibrutinib e Venetoclax possono combinarsi efficacemente per inibire la proliferazione delle cellule nella leucemia linfatica cronica e distruggere le cellule malate circolanti.

Per lo studio randomizzato di fase 3 GLOW, i ricercatori hanno confrontato la sicurezza e l'efficacia di una combinazione di Ibrutinib e Venetoclax con quella di Clorambucile e Obinutuzumab come trattamenti di prima linea per LLC/SLL.

Tutti i pazienti arruolati avevano almeno 65 anni o 18-64 anni e avevano un punteggio cumulativo della scala di valutazione della malattia ( CIRS ) maggiore di 6 o una clearance della creatinina inferiore a 70 ml/min.
Nessun paziente arruolato aveva delezioni 17p o mutazioni TP53.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata da un Comitato di revisione indipendente.

Complessivamente, 211 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Ibrutinib + Venetoclax ( 106 pazienti ) o Clorambucile + Obinutuzumab ( n=105 ).
L'età mediana dei pazienti era di 71 anni, il 57.8% dei pazienti era di sesso maschile e una percentuale maggiore di pazienti nel gruppo Ibrutinib e Venetoclax aveva un punteggio CIRS superiore a 6 ( 69.8% vs 58.1% nel gruppo Clorambucile + Obinutuzumab ).

Il follow-up medio è stato di 27.7 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata superiore nel gruppo Ibrutinib + Venetoclax ( hazard ratio, HR=0.216; P inferiore a 0.0001; PFS mediana: non-raggiunta versus 21 mesi nel gruppo Clorambucile / Obinutuzumab ).
Sono stati osservati miglioramenti della sopravvivenza senza progressione indipendentemente dal gruppo di punteggio CIRS e dal gruppo di età.

A 3 mesi dall'interruzione del trattamento, il tasso di malattia minima residua ( MDR ) non-rilevabile nel midollo osseo è stato del 51.9% nel gruppo Ibrutinib / Venetoclax versus 17.1% nel gruppo Clorambucile / Obinutuzumab ( P inferiore a 0.0001 ); i tassi sono risultati migliorati anche nel sangue periferico ( 54.7% vs 39%, rispettivamente; P = 0.0259 ).
Quarantanove pazienti su 58 ( 84.5% ) nel gruppo Ibrutinib / Venetoclax hanno mantenuto questi tassi minimi di malattia residua non-rilevabili nel sangue periferico fino a 12 mesi dopo l'interruzione del trattamento.

Il rischio di sindrome da lisi tumorale è diminuito per l'84.6% dei pazienti nel gruppo Ibrutinib / Venetoclax.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore emergenti dal trattamento hanno incluso: neutropenia / conta dei neutrofili ( 34.9% ), diarrea ( 10.4% ) e ipertensione ( 7.5% ) nel gruppo Ibrutinib /Venetoclax.
Eventi avversi di grado 5 sono stati osservati in 7 pazienti nel gruppo Ibrutinib / Venetoclax rispetto a 2 pazienti nel gruppo Clorambucile / Obinutuzumab.

I dati sulla sopravvivenza globale non erano maturi al momento dell'analisi. ( Xagena2021 )

Fonte: European Hematology Association ( EHA ) Virtual Congress, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro