Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

Le mutazioni PTPN11 associate a più ridotta sopravvivenza nei pazienti con leucemia mieloide acuta


Secondo uno studio, nei pazienti con leucemia mieloide acuta ( LMA ), la presenza di mutazioni del gene PTPN11 è un fattore prognostico di ridotta sopravvivenza.

La proteina codificata dall'espressione di PTPN11, SHP2, una fosfatasi citoplasmatica, è un regolatore della segnalazione RAS.
Nei pazienti con leucemia mieloide acuta, è di frequente riscontro la mutazioen di PTPN11.

Lo studio era un'analisi retrospettiva che ha incluso i dati di 1529 pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.
I campioni dei pazienti da aspirati di midollo osseo o sangue periferico ottenuti al momento della diagnosi sono stati sottoposti a screening per mutazioni di PTPN11 nel DNA genomico.
Lo screening mutazionale è stato eseguito mediante risequenziamento mirato e con un pannello che ha preso in esame 54 geni correlati a neoplasie mieloidi.

Un totale di 106 pazienti, o il 6.9% della popolazione complessiva, presentava mutazioni PTPN11. In 97 pazienti c'era una singola mutazione in questo gene, mentre 9 pazienti avevano 2 mutazioni separate.
Tutte le mutazioni erano varianti missenso a singolo nucleotide e il 76% delle mutazioni è stato trovato nella porzione del gene che codifica per il dominio N-terminale conservato di SHP2.
La frequenza mediana dell'allele variante era del 24% ( intervallo, 5-52 ) e le mutazioni erano per lo più subclonali ( 64% ).

La presenza di mutazioni PTPN11 è risultata associata a un tasso significativamente più elevato di mutazioni in NPM1 ( 63% ) e una tendenza verso tassi più elevati di mutazioni nei geni DNMT3A ( 37% ) e NRAS ( 21% ).
I pazienti con mutazioni PTPN11 hanno dimostrato un tasso più elevato di citogenetica favorevole in base ai criteri ELN ( European LeukemiaNet ) ( 57.8% ) rispetto ai pazienti con PTPN11 wild-type ( 39.1%; P inferiore a 0.001 ).
Il gene PTPN11 mutato è stato anche associato a un numero più alto di globuli bianchi, versus PTPN11 wild-type ( P = 0.007 ).

L'analisi multivariata ha suggerito che il PTPN11 mutato è un fattore di rischio indipendente per esiti sfavorevoli di sopravvivenza.
L'hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza globale ( OS ) con PTPN11 mutato è stata pari a 1.75 ( P inferiore a 0.001 ), mentre HR per la sopravvivenza libera da recidiva con PTPN11 mutato era pari a 1.52 ( P = 0.013 ) e l'HR per la sopravvivenza libera da eventi con PTPN11 era 1.35 ( P = 0.022 ).
La remissione completa si è verificata anche a un tasso inferiore con PTPN11 mutato ( odds ratio, OR=0.46; P = 0.008 ).

Gli impatti negativi associati alle mutazioni PTPN11 sono stati osservati principalmente nei pazienti con rischio favorevole secondo ELN e in quelli le cui mutazioni PTPN11 erano subclonali.
I pazienti con mutazioni dominanti di PTPN11 non hanno presentato effetti negativi dalle mutazioni di PTPN11.

Presi assieme, i dati hanno mostrato che le mutazioni PTPN11 sono alterazioni ricorrenti nei pazienti con leucemia mieloide acuta e sono un fattore prognostico indipendente per una ridotta sopravvivenza, con un esito clinico peggiore nei pazienti all'interno del gruppo a rischio favorevole secondo i criteri ELN. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood Advances, 2021

Emo2021 Onco2021



Indietro