Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Celgene Ematologia

La terapia combinata a base di Vemurafenib e Rituximab aumenta la risposta nella leucemia a cellule capellute


I pazienti con leucemia a cellule capellute refrattaria o recidivante possono ottenere una risposta completa e duratura con un regime privo di chemioterapia e non-mielotossico di Vemurafenib ( Zelboraf ) e Rituximab ( MabThera ).

Rispetto ai dati storici con il solo Vemurafenib, la percentuale di pazienti in questo studio che ha ottenuto una risposta completa ( 87% ) è più che raddoppiata, mentre il tempo mediano per una risposta completa è stato dimezzato.
Inoltre, tutti i pazienti che erano refrattari alla chemioterapia o al Rituximab e che erano stati precedentemente trattati con inibitori di BRAF, hanno presentato una risposta completa.

La leucemia a cellule capellute è una forma cronica e rara di leucemia. Secondo la Leukemia and Lymphoma Society, circa il 2% dei pazienti adulti sviluppa leucemia a cellule capellute.

La mutazione BRAF V600E è nota per essere l'evento genetico causale della leucemia a cellule capellute.
Vemurafenib è un inibitore di BRAF e, sebbene due studi abbiano dimostrato che aveva attività in pazienti con leucemia a cellule capellute refrattario o recidivante, le recidive erano comuni, con uno studio che ha mostrato una sopravvivenza mediana libera da ricaduta di 9 mesi dopo la fine del trattamento.

Rituximab è mielotossico e può integrare l'inibizione di BRAF intracellulare nell'uccidere le cellule leucemiche mediante un diverso meccanismo.

Lo studio monocentrico di fase II ha coinvolto 30 pazienti con leucemia a cellule capellute refrattaria o recidivante.
I pazienti avevano in precedenza ricevuto una mediana di tre terapie.
Il regime di trattamento nello studio consisteva in 8 settimane di Vemurafenib orale ( 960 mg due volte al giorno ) e 8 infusioni endovenose di Rituximab ( 375 mg/m2 di superficie corporea ) somministrate in 18 settimane.

Una risposta completa è stata ottenuta in 26 pazienti ( 87% ) nella popolazione intent-to-treat, verificatasi in tutti e 10 i pazienti che avevano una malattia refrattaria agli analoghi delle purine, in tutti e in 7 che erano stati precedentemente trattati con un inibitore di BRAF, e in tutti e 5 i pazienti che avevano una malattia refrattaria a Rituximab.

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è stato del 78% a un follow-up mediano di 37 mesi, mentre il tasso di sopravvivenza libera da recidive ( RFS ) per i 26 pazienti con una risposta completa è stato dell'85% a un follow-up di 34 mesi. Di questi 26 pazienti, 17 ( 65% ) hanno presentato negatività per malattia minima residua ( MRD ).

Inoltre, una precedente mancanza di esposizione a un inibitore di BRAF e l'insorgenza di negatività riguardo alla malattia minima residua hanno migliorato notevolmente la sopravvivenza libera da ricadute.
Tra i pazienti con una risposta completa, i 19 che non avevano precedentemente ricevuto un inibitore di BRAF hanno raggiunto un tasso di sopravvivenza libera da recidive del 95% a una mediana di 34 mesi rispetto al 57% tra i 7 pazienti precedentemente trattati con un inibitore di BRAF. Il tasso di sopravvivenza libera da recidive è stato del 100% tra i 17 pazienti con negatività per la malattia minima residua rispetto al 56% tra i 9 pazienti con positività per MRD.

Le reazioni avverse sono state per lo più di grado 1 e 2 ed erano state precedentemente osservate in pazienti che ricevevano monoterapie con Vemurafenib e Rituximab.

Per l'assenza di effetti mielotossici, questa combinazione può anche essere utile per fornire un trattamento definitivo in contesti in cui la chemioterapia altamente immunosoppressiva è controindicata, come nei pazienti che hanno infezioni attive o sono a rischio di malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ). ( Xagena2021 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro