Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

La riattivazione del citomegalovirus dopo trapianto allogenico di cellule ematopoietiche è associata a un ridotto rischio di recidiva nella leucemia linfoblastica acuta


La riattivazione del citomegalovirus ( CMVR ) dopo trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ) allogenico è una complicanza frequente correlata agli esiti di sopravvivenza; tuttavia, il suo impatto sulla recidiva rimane non ben definito, specialmente nella leucemia linfoblastica acuta ( ALL ).

In uno studio retrospettivo nazionale, sono stati inclusi pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) e leucemia linfoblastica acuta nella prima o nella seconda remissione completa, sottoposti al primo trapianto di cellule ematopoietiche utilizzando una strategia preventiva per la riattivazione del citomegalovirus.

Poiché il 90% dei casi con riattivazione del citomegalovirus si era verificato entro il giorno 64, e il 90% dei casi con malattia acuta del trapianto contro l'ospite ( GVHD ) di grado da 2 a 4 si era verificato entro il giorno 58, un punto di riferimento è stato fissato al giorno 65.

Nelle analisi di riferimento, sono stati analizzati 3.793 pazienti con leucemia mieloide acuta e 2.213 pazienti con leucemia linfoblastica acuta sopravvissuti senza recidiva per almeno 65 giorni.

Le analisi multivariate hanno mostrato che la riattivazione del citomegalovirus era associata a una minore incidenza di recidiva sia nella leucemia mieloide acuta ( hazard ratio HR, 0.81; P=0.009 ) sia nella leucemia linfoblastica acuta ( HR, 0.81; P=0.045 ).

Questi risultati sono stati confermati quando la riattivazione del citomegalovirus è stata utilizzata come covariata dipendente dal tempo.
Inoltre, lo studio ha indicato che l'effetto protettivo della riattivazione del citomegalovirus sulla recidiva era indipendente dalla malattia acuta del trapianto contro l’ospite.

Un'analisi post-hoc di sottogruppi di leucemia mieloide acuta e leucemia linfoblastica acuta combinati ha mostrato che la riattivazione del citomegalovirus ha avuto un lieve effetto antileucemia senza modifica dell'effetto, in contrasto con l'impatto della riattivazione del citomegalovirus sulla mortalità non dovuta a recidiva.

I risultati possono fornire importanti implicazioni per le strategie utilizzate per la profilassi del citomegalovirus dopo trapianto di cellule ematopoietiche. ( Xagena2023 )

Akahoshi Y et al, Blood Adv 2023; 7: 2699-2708

Emo2023 Onco2023 Inf2023



Indietro