Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Il mantenimento con Gilteritinib produce una remissione prolungata e una migliore sopravvivenza rispetto alla chemioterapia di salvataggio nella leucemia mieloide acuta FLT3+ recidivata / refrattaria


La terapia di mantenimento continuata e post-trapianto con Gilteritinib ( Xospata ) è stata associata a una remissione prolungata, ha portato a una migliore sopravvivenza a lungo termine rispetto alla chemioterapia di salvataggio, e ha mostrato un profilo di effetti collaterali accettabile nell'arco di 2 anni nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria con mutazione FLT3 ( FLT3+ ).

E' stata condotta una analisi post hoc dei dati dello studio di fase III ADMIRAL. L'analisi si è concentrata sui dati a 2 anni dopo l'analisi primaria esaminando l'efficacia e la sicurezza a lungo termine di Gilteritinib nei pazienti con leucemia mieloide acuta FLT3+ recidivante o refrattaria.

I pazienti nello studio ADMIRAL erano adulti con leucemia mieloide acuta FLT3+ confermata che erano alla prima ricaduta dopo la remissione completa con la terapia di induzione iniziale o che erano refrattari al trattamento di induzione iniziale.
I partecipanti allo studio sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Gilteritinib 120 mg/die ( n=247 ) oppure chemioterapia di salvataggio preselezionata ad alta o bassa intensità ( n=124 ).

Il follow-up mediano della sopravvivenza al momento dell'analisi era di 37.1 mesi.

Sono stati segnalati decessi per 203 pazienti nel gruppo Gilteritinib e 97 pazienti nel gruppo chemioterapico di salvataggio.

16 pazienti nel braccio Gilteritinib erano ancora in terapia al momento del cutoff dei dati.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana era significativamente più lunga nel braccio Gilteritinib rispetto al gruppo chemioterapico ( 9.3 vs 5.6 mesi, rispettivamente; hazard ratio, HR=0.665; IC 95% 0.518-0.853; p=0.0013 a due code ).
Inoltre, i tassi di sopravvivenza stimati a 2 anni erano del 20.6% per Gilteritinib ( IC 95% 15.8-26.0 ) e del 14.2% per la chemioterapia di salvataggio ( IC 95% 8.3-21.6 ).

Nel gruppo Gilteritinib, l'incidenza cumulativa a 2 anni di recidiva dopo remissione composita completa è stata del 75.7%.
Il tasso di remissione composita completa è stato definito come la somma dei pazienti che hanno ottenuto una remissione completa ( CR ), remissione completa con recupero ematologico incompleto e remissione completa con recupero piastrinico incompleto.
Raramente si sono verificate ricadute dopo 18 mesi dall'arruolamento nello studio.

Un totale di 49 pazienti assegnati a Gilteritinib e 14 pazienti assegnati a chemioterapia di salvataggio erano ancora vivi oltre i 2 anni.
Inoltre, 26 pazienti nel braccio Gilteritinib erano vivi senza recidiva per più di 2 anni e 18 di questi soggetti sono stati sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche durante lo studio, mentre 16 sono rimasti al trattamento assegnato dopo il trapianto.

Livelli aumentati di alanina aminotransferasi ( ALT ) e aspartato aminotransferasi ( AST ) sono stati gli eventi avversi di interesse di più comune riscontro durante il primo e il secondo anno di terapia con Gilteritinib.
Circa il 5.7% dei pazienti ( n=14 ) nel braccio Gilteritinib ha manifestato un evento avverso di interesse nel primo anno di trattamento che si è protratto nel secondo anno.
Inoltre, il 14.2% dei pazienti ha manifestato eventi avversi di interesse che hanno portato a riduzioni della dose durante il primo anno di trattamento con Gilteritinib.
Quattro pazienti hanno manifestato eventi avversi di interesse che hanno portato a riduzioni della dose durante il secondo anno di terapia.

Non ci sono stati nuovi segnali di sicurezza significativi associati a Gilteritinib nel secondo anno di trattamento; tuttavia, i ricercatori hanno indicato un piccolo rischio di eventi cardiaci tardivi, disfunzione epatica ed eventi gastrointestinali durante questo periodo.

Secondo i ricercatori, i risultati dello studio hanno fornito la prima evidenza che un inibitore di FLT3 somministrato nel setting di salvataggio può offrire un beneficio in termini di sopravvivenza assoluta e permanente rispetto alla chemioterapia di salvataggio nei pazienti con leucemia promielocitica FLT3+ recidivante o refrattaria. ( Xagena2022 )

Fonte: Blood, 2022

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro