Roche Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti COVID
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Ibrutinib come trattamento della leucemia linfatica cronica come prima linea o nella forma recidivata / refrattaria: analisi finale dello studio PCYC-1102


La sicurezza e l'efficacia di Ibrutinib ( Imbruvica ), un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ), nella leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( CLL/SLL ) sono state dimostrate nello studio di fase 1b/2 PCYC-1102.

E' stato descritto un follow-up esteso fino a 8 anni, che rappresenta, ad oggi, il follow-up più lungo per Ibrutinib in monoterapia o a qualsiasi inibitore di BTK.

Lo studio di fase 1b/2 PCYC-1102 e lo studio di estensione PCYC-1103 comprendevano pazienti che ricevevano Ibrutinib in monoterapia di prima linea o nella forma recidivante / refrattaria.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato dell'89%, con tassi simili in prima linea ( 87%; risposta completa [ CR ], 35% ) e in condizione di recidiva / refrattarietà ( 89%; 10% ).

I tassi stimati di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 7 anni sono stati dell'83% in prima linea e del 34% nella forma recidivante / refrattaria.

Quarantun pazienti hanno presentato progressione della leucemia linfatica cronica ( n = 11 con trasformazione di Richter ).

La sopravvivenza PFS mediana non è stata raggiunta con Ibrutinib di prima linea.

Nella malattia recidivante / refrattaria, la sopravvivenza PFS mediana è stata complessivamente di 52 mesi, 26 mesi in pazienti con delezione del cromosoma 17p, 51 mesi con delezione 11q, non-raggiunta con trisomia 12 o delezione 13q, e 88 mesi nei pazienti senza queste anomalie citogenetiche. I tassi di sopravvivenza globale a 7 anni stimati erano dell'84% in prima linea e del 55% in contesti recidivanti / refrattari.

Eventi avversi di grado 3 o superiore nel 15% o più dei pazienti sono stati: ipertensione ( 28% ), polmonite ( 24% ) e neutropenia ( 18% ).
Questi effetti avversi di grado pari a 3 o superiore si sono in linea generale ridotti nel tempo, ad eccezione dell'ipertensione.

Le reazioni avverse che hanno portato alla sospensione in 2 o più pazienti sono state osservate solo in contesti recidivanti / refrattari ( sepsi, diarrea, ematoma subdurale, trasformazione di Richter ).

In conclusione, con un follow-up fino a 8 anni, sono state osservate risposte sostenute e tollerabilità a lungo termine di Ibrutinib in monoterapia con trattamento della leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico, in prima linea o nella malattia recidivante / refrattaria, incluso CLL / SLL ad alto rischio. ( Xagena2020 )

Byrd JC et al, Clin Cancer Res 2020; Online ahead of print

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro