Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Gilteritinib più Azacitidina versus Azacitidina per leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi con mutazione FLT3, e pazienti non-idonei alla chemioterapia intensiva


I risultati del trattamento per i pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) mutata per la tirosina chinasi 3 FMS-like ( FLT3 ) di nuova diagnosi ( FLT3mut+ ) non-idonei per la chemioterapia intensiva sono deludenti.

Uno studio multicentrico, in aperto, di fase 3 ha randomizzato adulti non-trattati con leucemia mieloide acuta e mutazione FLT3, non-idonei alla chemioterapia di induzione intensiva a ricevere Gilteritinib [ Xospata ] ( 120 mg/die per via orale ) e Azacitidina [ Onureg ] ( GIL + AZA ) oppure sola Azacitidina ( AZA ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ).

All'analisi ad interim nel 2020, in totale 123 pazienti sono stati randomizzati al trattamento ( GIL + AZA, n=74; AZA, n=49 ).
La successiva terapia per leucemia mieloide acuta, inclusi gli inibitori FLT3, è stata ricevuta dal 20.3% ( GIL + AZA ) e dal 44.9% ( AZA ) dei pazienti.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 9.82 ( GIL + AZA ) e 8.87 ( AZA ) mesi ( hazard ratio, HR=0.916; P=0.753 ).

Lo studio è stato chiuso in base al limite specificato dal protocollo per futilità.

La sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) mediana è stata di 0.03 mesi in entrambi i bracci.
La sopravvivenza libera da eventi definita utilizzando la remissione completa composita ( CRc ) è stata di 4.53 mesi per Gilteritinib più Azacitidina e di 0.03 mesi per la sola Azacitidina ( HR=0.686; P=0.156 ).
I tassi di risposta completa composita sono stati del 58.1% ( GIL + AZA ) e del 26.5% ( AZA ) ( differenza, 31.4%; P minore di 0.001 ).

I tassi di eventi avversi sono stati simili per Gilteritinib più Azacitidina( 100% ) e per solo Azacitidina ( 95.7% ); gli eventi avversi di grado maggiore o uguale a 3 sono stati rispettivamente del 95.9% e dell'89.4%.
Gli eventi avversi comuni con la combinazione Gilteritinib e Azacitidina hanno incluso piressia ( 47.9% ) e diarrea ( 38.4% ).

Le concentrazioni minime allo stato stazionario di Gilteritinib non sono variate tra Gilteritinib associato ad Azacitidina e Gilteritinib.

Gilteritinib più Azacitidina ha portato a percentuali di risposta completa composita significativamente più elevate, sebbene con una sopravvivenza globale simile a quella di Azacitidina.

I risultati supportano la sicurezza / tollerabilità e l'attività clinica della terapia iniziale con Gilteritinib più Azacitidina nei pazienti anziani / non-idonei con leucemia mieloide acuta con mutazione FLT3. ( Xagena2022 )

Wang ES et al, Blood 2022; 140: 1845-1857

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro