Janssen Oncology
Roche Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Efficacia di Venetoclax nella leucemia linfatica cronica recidivata influenzata dalle variabili di malattia e di risposta


Per definire l'efficacia di Venetoclax ( Venclyxto ) con follow-up esteso e identificare modificatori dell'effetto del trattamento clinico o biologico, sono stati riuniti i dati aggiornati per i pazienti precedentemente trattati con leucemia linfatica cronica ( CLL ) o linfoma a piccoli linfociti ( SLL ) arruolati in 4 studi di fase iniziale.

Sono stati analizzati i tassi di risposta, la remissione completa ( CR/CRi [ risposta completa / risposta completa con incompleto recupero ematologico ] ) e la malattia residua minima non-rilevabile ( U-MRD ) per tutti i pazienti ( n=436 ) e per quei pazienti che avrebbero ricevuto 400 mg/die in monoterapia ( n=347 ).

Sono stati identificati i fattori pretrattamento associati ai tassi di risposta e alla durata della risposta ( DoR ).

Le risposte obiettive sono state documentate nel 75% di tutti i pazienti, incluso il 22% di CR/CRi.

Complessivamente, il 27% e il 16% dei pazienti ha raggiunto U-MRD nel sangue e nel midollo, rispettivamente.

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) stimata, la durata della risposta e il tempo alla progressione sono stati rispettivamente di 30.2, 38.4 e 36.9 mesi.

Esiti analoghi di efficacia sono stati osservati nel sottogruppo di monoterapia da 400 mg/die.

Per coloro che hanno raggiunto CR/CRi, la stima di sopravvivenza senza progressione a 3 anni è stata dell'83%.

La durata della risposta è stata superiore per i pazienti che hanno ottenuto CR/CRi o U-MRD nelle analisi di riferimento.

Nelle analisi di regressione multipla, la linfoadenopatia bulky ( 5 cm o più ) e la refrattarietà alla terapia con inibitore del recettore delle cellule B ( BCR ) sono state significativamente associate a un più basso tasso di risposta completa e a una più breve durata di risposta.

Un più ridotto numero di precedenti terapie è risultato associato a un tasso di risposta completa più elevato, ma non alla durata della risposta.

La delezione del cromosoma 17p e/o la mutazione TP53 e la mutazione NOTCH1 sono state associate in modo coerente con una più breve durata della risposta, ma non con probabilità di risposta.

Pertanto, sia i fattori di pretrattamento che la profondità della risposta sono stati correlati alla durata della risposta con Venetoclax.
I pazienti senza linfoadenopatia bulky, leucemia linfatica cronica refrattaria agli inibitori di BCR o con un profilo mutazionale avverso hanno avuto il beneficio più duraturo. ( Xagena2019 )

Roberts AW et al, Blood 2019; 134: 111-122

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro