Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Effetto dell’indice di massa corporea sulla tossicità e sulla sopravvivenza tra adolescenti e giovani adulti affetti da leucemia linfoblastica acuta


Gli adolescenti e i giovani adulti ( AYA ) affetti da leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) trattati con regimi pediatrici contenenti Asparaginasi sono comunemente in sovrappeso o obesi.

È stata studiata l'associazione dell'indice di massa corporea ( BMI ) sugli esiti di 388 adolescenti e giovani adulti di età compresa tra 15 e 50 anni trattati con i regimi del Dana-Farber Cancer Institute ( DFCI ) Consortium ( 2008-2021 ).

L'indice BMI era normale in 207 pazienti ( 53.3%) e relativo a sovrappeso / obesi in 181 pazienti ( 46.7% ).
I pazienti in sovrappeso o obesi hanno manifestato una mortalità non-dovuta a recidiva più elevata ( NRM; a 4 anni, 11.7% vs 2.8%, P=0.006 ), una peggiore sopravvivenza libera da eventi ( a 4 anni, 63% vs 77%, P=0.003 ) e una peggiore sopravvivenza globale ( OS; a 4 anni, 64% vs 83%, P=0.0001 ).

Poiché gli adolescenti e i giovani adulti più giovani ( di età compresa tra 15 e 29 anni ) avevano più frequentemente un indice BMI normale ( 79% vs 20%, P minore di 0.0001 ), sono state condotte analisi separate in ciascun gruppo BMI.

È stata riscontrata una eccellente sopravvivenza globale tra gli adolescenti e i giovani adulti più giovani e più anziani ( 30-50 anni ) con indice BMI normale ( OS a 4 anni, 83% vs 85%, P=0.89 ).

Per contro, negli adolescenti e giovani adulti in sovrappeso / obesi, sono stati osservati esiti peggiori negli adolescenti e giovani adulti più anziani ( OS a 4 anni, 55% vs 73%, P=0.023 ).

Per quanto riguarda la tossicità, gli adolescenti e i giovani adulti in sovrappeso / obesi hanno manifestato tassi più elevati di epatotossicità e iperglicemia di grado 3/4 ( rispettivamente 60.7% vs 42.2%, P=0.0005 e 36.4% vs 24.4%, P=0.014 ), ma avevano tassi comparabili di ipertrigliceridemia ( 29.5% vs 24.4%, P=0.29 ).

In un’analisi multivariata, un indice BMI più elevato è stato associato a una peggiore sopravvivenza globale; l’ipertrigliceridemia è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza globale, mentre l’età non è stata associata alla sopravvivenza globale.

In conclusione, tra gli adolescenti e i giovani adulti trattati con i regimi per la leucemia linfoblastica acuta del DFCI Consortium, un indice di massa corporea elevato è risultato associato a un aumento della tossicità, a un aumento della mortalità non-dovuta a recidiva e a una diminuzione della sopravvivenza globale.

L'effetto deleterio di un indice BMI elevato è risultato più pronunciato negli adolescenti e giovani adulti più anziani. ( Xagena2023 )

Shimony S et al, Blood Adv 2023; 7: 5234-5245

Endo2023 Emo2023 Onco2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro