Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Celgene Ematologia

Caratterizzazione molecolare della leucemia mieloide acuta e della sindrome mielodisplastica ad alto rischio con mutazione del gene TP53


La sostanziale eterogeneità all'interno della leucemia mieloide acuta ( AML ) e della sindrome mielodisplastica con eccesso di blasti ( MDS-EB ), con mutazione del gene TP53, preclude la valutazione esatta dell'impatto prognostico per i singoli pazienti.

È stata eseguita un'analisi clinica e molecolare approfondita di leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica MDS-EB TP53-mutante per sezionare in dettaglio le caratteristiche molecolari e determinarne l'impatto sulla sopravvivenza.

È stato eseguito il sequenziamento di nuova generazione su 2.200 campioni AML / MDS-EB ed è stato valutato lo stato allelico mutante TP53 ( mono o bi-allelico ), il numero di mutazioni del gene TP53, la dimensione del clone TP53-mutante, le mutazioni simultanee, la citogenetica e la malattia molecolare minima residua TP53-mutante, e sono state studiate le associazioni di queste caratteristiche con la sopravvivenza globale.

Mutazioni di TP53 sono state rilevate in 230 pazienti ( 10.5% ) con AML/MDS-EB con una frequenza mediana dell'allele variante del 47%.
Lo stato di TP53 mutante biallelico è stato osservato in 174 pazienti ( 76% ).

Mutazioni multiple di TP53 sono state trovate in 49 pazienti ( 21% ). Mutazioni concomitanti sono state rilevate in 113 pazienti ( 49% ).
Non è stata rilevata alcuna differenza significativa in nessuna delle suddette caratteristiche molecolari di TP53 mutante tra leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica con eccesso di blasti.

I pazienti con TP53 mutante avevano un esito negativo ( sopravvivenza globale a 2 anni, 12.8% ); tuttavia, non è stata osservata alcuna differenza di sopravvivenza tra leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica con eccesso di blasti.
È importante sottolineare che nessuna delle caratteristiche molecolari è risultata significativamente associata alla sopravvivenza nella AML / MDS-EB con mutazione del gene TP53.

Nella maggior parte dei pazienti, le mutazioni del gene TP53 sono rimaste rilevabili in remissione completa mediante sequenziamento profondo ( 73% ).
Il rilevamento del residuo TP53 mutante non è stato associato alla sopravvivenza.
La leucemia mieloide acuta e sindrome mielodisplastica con eccesso di blasti, con mutazione di TP53, non differiscono per quanto riguarda le caratteristiche molecolari e la sopravvivenza.
Pertanto, AML / MDS-EB con mutazione del gene TP53 dovrebbe essere considerata un'entità di malattia molecolare distinta. ( Xagena2022 )

Grob T et al, Blood 2022; 139: 2347-2354

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro