Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Blinatumomab nella leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivante / refrattaria: analisi finale dello studio RIALTO


La sicurezza e l'efficacia di Blinatumomab ( Blincyto ), una molecola bispecifica diretta a CD3/CD19, sono state esaminate in uno studio in aperto, a braccio singolo, ad accesso esteso ( RIALTO ).
I bambini ( età maggiore di 28 giorni e inferiore a 18 anni ) con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B CD19+ recidivante / refrattaria ( R/R B-ALL ) hanno ricevuto fino a 5 cicli di Blinatumomab mediante infusione continua ( ciclo: 4 settimane on / 2 settimane off ).

L'endpoint primario era l'incidenza di eventi avversi.

Gli endpoint secondari includevano la risposta completa ( CR ) e la risposta della malattia residua misurabile ( MRD ) entro i primi 2 cicli e la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( alloHSCT ) dopo il trattamento.

Al cutoff finale dei dati nel gennaio 2020, sono stati arruolati 110 pazienti ( età mediana, 8.5 anni; l'88% aveva il 5% o più di blasti basali ).

È stata riportata una bassa incidenza di sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o 4 ( n=2; 1.8% ) ed eventi neurologici ( n=4; 3.6% ); non sono stati registrati eventi avversi fatali correlati a Blinatumomab.

La probabilità di risposta non è stata influenzata dalla presenza di anomalie citogenetiche / molecolari.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 14.6 mesi ed è risultata significativamente migliore per i pazienti che rispondevano alla malattia residua misurabile rispetto ai non-responder alla malattia residua misurabile ( non-stimabile rispetto a 9.3; hazard ratio, HR=0.18 ).

Tra i pazienti che hanno raggiunto la risposta completa dopo 2 cicli, il 73.5% è stato sottoposto a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( alloHSCT ).
La probabilità di sopravvivenza globale a 1 anno è stata più alta per i pazienti che avevano ricevuto trapianto alloHSCT rispetto a quelli senza trapianto dopo Blinatumomab ( 87% vs 29% ).

Questi risultati supportano l'uso di Blinatumomab come trattamento sicuro ed efficace della leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivante / refrattaria, pediatrica. ( Xagena2022 )

Locatelli F et al, Blood Adv 2022; 6: 1004-1014

Emo2022 Onco2022 Pedia2022 Farma2022


Indietro